Questo è il blog provvisorio di Mushin. Leggi qui per saperne di più.
logo mushin

Ho domandato ad un bimbo che camminava con una candela in mano: “Da dove viene questa luce?”. Di colpo, egli l’ha spenta. Dimmi dove se n’é andata e ti dirò da dove viene

— Hasan Al-Basri

Trasloco

Scritto da Mushin alle 21:42 del 29/09/2007

Ho già scritto un post con questo titolo, se non ricordo male.

Ho appena finito di sistemare (in sole 18 ore) quella che per un anno sarà la mia nuova dimora. La cosa bella dei traslochi è sistemare tutti i pezzi nel nuovo alloggio, scopri oggetti che avevi quasi dimenticato tanto erano nascosti oppure in vista ma ormai ingrigiti dall’abitudine. E’ un momento in cui decidi che puoi fare a meno di certe cose, di valorizzarne altre, di inserirne di nuove. E la cosa più importante è che non si tratta solo di oggetti: ogni cosa è associata ad una persona, un’emozione, un’esperienza. Ogni libro che ho riposto, ogni foto che ho riappiccicato, ogni soprammobile che ho spolverato: la mia vita in rewind, per istanti. Momenti densi.

Soprattutto aprire un dato cassetto dentro al quale ripongo le cose più importanti, che sedimentano per accumulo senza mai essere rivangate, salvo raramente, perché coi bei ricordi andati non mi sono mai trovato a mio agio. Oggi ho contato una per una le mie cicatrici, ho rivissuto, ho sorriso, ho quasi pianto. Di nuovo. Ma soprattutto ho amato. Ho amato ogni singola persona che è entrata nella mia vita e ha lasciato qualcosa di sé dentro quel cassetto. Anche se poi ne è uscita, quel cassetto è la testimonianza che non ho sognato.

Non l’avevo mai detto, ma non solo ho ancora le foto, ho pure conservato ogni singolo post-it. E sono davvero tanti. La vita può essere dura a volte, ti disorienta. Sapere chi sei e avere memoria del tuo passato, è come una coperta calda nelle notte invernali. Il freddo c’é ancora, ma fa meno male.

OT: Ieri sera una serata pazzesca. Non per quello che si è fatto, ma per la compagnia. Era molto, moltissimo tempo che non mi perdevo completamente in una discussione. Trovo siano cose rare. E dunque persone speciali. Sono grato ha chi ha permesso che una simile meteora attraversasse il mio cielo notturno. A volte sono proprio le persone che non vedrai mai più, in un incontro casuale, che ti danno la pedata verso la giusta direzione…

Commenti non consentiti