Questo è il blog provvisorio di Mushin. Leggi qui per saperne di più.
logo mushin

Se viaggiassimo in tre certamente avrei sempre un maestro accanto: dell’uno coglierei i pregi per trarne esempio, dell’altro coglierei i difetti per emendarmi

— Confucio

Siamo Tutti un Po’ Benjamin Button

Scritto da Mushin alle 11:53 del 5/10/2008

La vita ha un suo corso naturale che inevitabilmente va dato per scontato. Si nasce bambini e si muore vecchi. Ma cosa succederebbe se invece di nascere bambini, foste nati vecchi e crepaste da infanti? Attorno a questo viene costruito un film che aspetto, Lo Strano Caso di Benjamin Button.

Il genere Fantasy che trovo riuscito è quello che racconta storie impossibili (nella realtà) per spiegare meccanismi reali. Il motivo per cui aspetto la storia di Benamin, è che nonostante non si possa invertire il flusso della vita, la verità è che davvero siamo tutti un po’ Benjamin.

D’accordo, nessuno di noi nasce vecchio né tantomento ringiovanisce al progredire dell’età. Ma la situazione in cui si trova Benjamin Button l’abbiamo vissuta. Invecchiare o ringiovanire sono due versi della stessa direzione, il tempo scorre in un senso e in un altro. Questo fa sì che Benjamin sia completamente fuori luogo da bambino nel suo contesto, ma anche da vecchio. Eppure ha una finestra di possibilità per vivere le sue relazioni affettive esattamente quando il processo di ringiovanimento e quello di invecchiamento si incrociano, nelle età mediane.

A chi non è capitato di vivere una realtà perfettamente coerente con il proprio sviluppo, solo in alcune finestre di possibilità? C’é un’occasione di incastro che ti viene data, prima o dopo sei fuoriluogo. Esattamente come Benjamin ci incastriamo in dinamiche che calzano, ma spesso la forza dei percorsi di vita tende a fluire fra due persone verso mete differenti. C’é chi "invecchia" e chi "ringiovanisce", di certo ci si incontra solo in determinati momenti.

Ed è questo che da valore a quei momenti, perché la vita poi ti porta da una parte e ti costringe a non poterti portare tutto dietro, soprattutto persone che hanno una meta diversa. E’ un po’ un invecchiare mentre l’altro ringiovanisce, o viceversa.

3 Commenti to “Siamo Tutti un Po’ Benjamin Button”

  1. Clara Charnovski il 28 December, 2010 alle 5:24 pm ha scritto:

    E’ vero, anch’io penso che nella vita le relazioni che hai, sono destinate a durare giusto il tempo di condividere un pezzo della strada, che in quel momento hai deciso di iniziare. Poi ognuno di noi si trova costantemente a decidere quale direzione prendere. Io non direi che esattamente uno invecchia e l’altro ringiovanisce, direi invece che si volta lo sguardo in due direzioni differenti, e a quel punto si vedono altri orizzonti. Quello che mi chiedo io é, se nella vita sia sempre indispensabile esser lucidi per affrontare ed ascoltare ogni volta le nostre esigenze, o se a volte potrebbe esser bello anche godersi il viaggio, sicuri non dell’obiettivo che hai di fronte, ma della persona che hai deciso di scegliere come compagno di viaggio. Sicuramente questa condizione non é piú la nostra condizione, ma a volte mi chiedo se, per lo meno in alcune fasi della nostra vita, non sia bello vivere in funzione di un’altra persona, invece che solo sempre in funzione della nostra vita individuale.

  2. Mushin il 28 December, 2010 alle 5:33 pm ha scritto:

    @ Clara Charnovski:
    Io ho sempre votato per essere sicuri della persona, la meta non mi importa. Io ho sempre privilegiato la compagnia 🙂

  3. Clara Charnovski il 29 December, 2010 alle 6:41 pm ha scritto:

    Beh, allora ti faccio i miei complimenti, data la quasi patologica paura, che oggi mi pare,le persone abbiano di scegliersi. 😉 @ Mushin:

Leave a Reply

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>