Questo è il blog provvisorio di Mushin. Leggi qui per saperne di più.
logo mushin

Se incontri il Buddha per strada, uccidilo

— Insegnamento buddhista

Raptus

Scritto da Mushin alle 17:11 del 16/11/2013

Amai.

Amai come insegnano che è giusto amare. Amai con quella voglia di perfetto, con il desiderio di eterno, con un abbraccio saldo. Amai pensando alla felicità di domani, al sentimento che si sarebbe fatto forma nella carne di un bimbo. Amai con la fierezza di chi ogni giorno è orgoglioso di riuscire a controllarsi, a camminare diritto per la strada giusta. Quella che deve condurre alla meta. Amai come limpida acqua di sorgente che pura lascia la roccia, silenziosa per non turbare la perfezione del momento.

Amai dell’amore giusto, risposta alle domande.

Ti amo. Come è inevitabile amarti. Ti amo con quella irruenza che non si appaga, con la fretta dell’oggi che muore, con un abbraccio che è un incastro che trova casa, tremando. Ti amo pensando che tutti i domani saranno solo un altro oggi. Ti amo con il sospetto che non potrei fare diversamente, anche impegnandomi. Ti amo perché non sei la meta ma una compagna di viaggio. Ti amo come acqua che ha abbandonato la pura innocenza della fonte, conoscendo lungo il percorso ostacoli, fango e rumore. Ma che adesso torbida di foce è pronta a ricominciare annegando nel mare.

Ti amo dell’amore che è domanda, incertezza, oscillazione.

Sono stato insignificante come goccia, ho corso veloce verso la meta come fiume, sono pronto ad abbracciare l’orizzonte in tutte le direzioni, da pigro oceano. Come un’onda lenta che non conosce avanti o indietro, sbriciolo l’eternità della roccia semplicemente oscillando fra equilibri diversi. Sono puro movimento che mai lascia la propria posizione.

Tutto questo apprendere, per imparare a perdermi. Nel blu.

 

 

 

3 Commenti to “Raptus”

  1. Davvero un bel testo.
    Già l’ho visto girare come messaggio di stato su facebook, senza link o autore. Tra qualche giorno, sul web, passerà alla storia come poesia di Neruda (non so se ricordi: http://www.repubblica.it/2008/01/sezioni/politica/crisi-governo-2/poesia-neruda-no/poesia-neruda-no.html)

  2. Mushin il 16 November, 2013 alle 7:17 pm ha scritto:

    @ Giovanni: 😀

  3. Jack il 18 November, 2013 alle 1:40 pm ha scritto:

    Non c’è nulla di insignificante nella goccia che scopre il valore del proprio movimento.
    Certamente non c’è nulla di insignificante nel percorso di chi oscilla fra equilibri diversi,fino a perdersi.

    Non sarai mai insignificante.

Leave a Reply

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>