Questo è il blog provvisorio di Mushin. Leggi qui per saperne di più.
logo mushin

Ora piove, puoi arrestare la pioggia?

— Koan Zen

Le Parole e i Dettagli

Scritto da Mushin alle 12:39 del 29/04/2015

Il diavolo si nasconde nei dettagli. Dettagli piccoli come fessure, che ingannano l’occhio come sfumature.

Le parole sono scosse che partoriscono montagne e lacerano conteninenti. Ma le parole sono anche tagli, che cesellano, rifiniscono, operano separazioni chirurgiche invisibili ad occhio nudo ma evidenti nelle possibilità che fanno fiorire.

Le parole creano varchi in cui a volte leggiamo la promessa di qualcosa di più del fugace passaggio. Le parole sono bolle di sapone tremanti che proteggono lo spazio dei sogni dallo spazio della realtà, prima che questi si riuniscano.

Nel regno delle parole l’equivalenza è in esilio. La bugia dei sinonimi è colore solo per le tele di chi non distingue le sfumature di buio della notte. L’architrave all’ingresso di questo reame recita: «Ciò che non vuoi perdere non è ciò che vuoi avere». Nel dominio delle parole, anche l’opposizione è sconosciuta: «amare» e «odiare» sono figli della stessa madre. 

Lo vedi il demonio? È proprio lì, accovacciato fra la «paura di perdere» e il «coraggio di avere». 

Nel dominio delle parole «senso di colpa» è un’eco e «infinita mancanza» solo una lunga serie finita di lettere. «Nostalgia» si può rivolgere al futuro non ancora vissuto e «ho cambiato idea» descrive solo il ruotare di qualcosa su un perno.

Nel mondo delle parole è bello giocare a nascondino, ma non ci si nasconde mai realmente. Copriamo la verità, di veli. Come si veste la notte di buio: senza sarebbe difficile vederla arrivare.

Senza la carezza del velo della parola, sarebbe impossibile per noi abbracciare l’impeto del vento.

Nel dominio delle parole il demone che vive nella fessura tra i significati sa che due coste divise da un’oceano, sotto continuano ad essere una cosa sola.

Leave a Reply

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>